Categorie

    Martedì, 21 Luglio 2020 08:39

    Uva: eradicazione e divieto di vendita? Il tribunale bacchetta IFG

    Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa del Comitato Liberi Agricoltori e Commercianti di Puglia e Basilicata.

    Il collegio di tre giudici del Tribunale delle Imprese di Bari ha esaminato il ricorso con cui la International Fruit Genetics (IFG) insisteva nelle sue richieste di eradicazione delle piante e inibitoria alla commercializzazione dei frutti.

    IFG lamentava la contraffazione di alcune privative vegetali comunitarie che al momento della messa a dimora, erano state depositate dalla stessa  IFG, ma non erano state ancora concesse.

    I giudici hanno rigettato il ricorso di IFG, condannandola al pagamento delle spese legali e delle sanzioni previste.

     

    Confermando in toto il provvedimento reso dal Tribunale in composizione monocratica - dott. Magaletti - i giudici baresi hanno rigettato integralmente il ricorso di IFG, condannandola al pagamento delle spese legali e delle sanzioni previste per la presentazione di impugnazioni infondate o improcedibili.

    Clicca qui per leggere i documenti


    Secondo il collegio, a seguito della sentenza interpretativa resa nel dicembre 2019 dalla Corte di Giustizia dell’Unione Europea (sentenza “Nadorcott), è ormai accertato come prima della concessione della privativa il breeder abbia solo e soltanto il diritto di chiedere un “equo compenso” per l’uso della varietà, ai sensi dell’art. 95 del Regolamento Comunitario No. 2100/94 (l’unico sistema di norme applicabile in materia di varietà vegetali in tutta Europa e negli stati membri dell’UPOV); non potendo quindi applicarsi il regime ordinario previsto per gli atti realizzati dopo la concessione, quando dunque l’autorizzazione può e quindi deve essere richiesta.

     

    L’applicazione di tale principio alla commercializzazione dei frutti ottenuti dagli alberi piantati prima della concessione – che quindi non potranno essere ritenuti illegittimi– è stata confermata in toto.

     

    "Da sempre, - riporta il Presidente del Comitato Liberi Agricoltori e Commercianti di Puglia e Basilicata, Lorenzo Colucci - siamo d’accordo sull’importanza della ricerca in agricoltura e del miglioramento varietale, e sulla necessità di corrispondere a chi investe in ricerca la giusta remunerazione. Ma l’eradicazione non può essere l’unica soluzione. Siamo quindi orgogliosi di questa vittoria, che dedichiamo alla nostra terra".

     

    Secondo l’avv. Roberto Manno - dello studio Weblegal -, che affiancato ha l’avv. Paride Lomuzio nel procedimento cautelare e che coordina il pool di legali del Comitato, "Il provvedimento si inserisce in un contesto giuridico molto articolato e complesso, in cui la Corte di Giustizia dell’Unione Europea svolge un ruolo di fondamentale importanza nell’assicurare l’applicazione uniforme di principi essenziali per la tutela di interessi fondamentali".

     

    Comunicazione a cura di: Comitato Liberi Agricoltori e Commercianti di Puglia e Basilicata

    Sfoglia la rivista

    © Fruit Communication Srl
    Tutti i diritti riservati

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@uvadatavola.com e chiederne la rimozione.

    Cerca